John Fante, “Ask the dust”

A pochi giorni dall'uscita al cinema di Chiedi alla polvere, ho letto il romanzo di Fante da cui è tratto.

L'ho letto in inglese, in libreria avevo adocchiato una bellissima edizione del Bandini quartet, e non sono riuscita a resistere alla tentazione, spinta anche dalla frettolosa lettura dell'introduzione scritta da Charles Bukowsky, bellissima (dei romanzi di Fante dice che sono "written from the gut and the heart"). Comunque, lo consiglio vivamente in lingua originale.

Come ho già forse scrtto in precedenza per La confraternita dell'uva, trovo Fante uno scrittore geniale. Ho passato il tempo in cui leggevo i due libri con un sorriso costante sulle labbra, quando non si trasformava in una vera e propria risata.

Di Fante mi ha colpito la forte componente autobiografica che mi smebra pervada tutti i suoi libri. Solitamente, sono portata a cercare uno scrittore fra le righe delle sue opere, e quando lo trovo, è sempre una bella scoperta. In Fante questo aspetto è molto forte. Quando Bandini è immerso nella scrittura del suo primo romanzo, dice:

"To hell with that Hitler, this is more important than Hitler, this is about my book. It won't shake the world, it won't kill a soul, it won't fire a gun, ah, but you'll remember t to the day you die, you'll lie there breathing your lost, and you'll smile as you remember the book. The story of Vera Rivken, a slice out of life."

Mi sono piaciuti molto anche i brani in cui descrive la California ("the mighty sun, the eternal blue of the sky, and the streets full of sleek women you never will posses"), lui, italo-americano arrivato dal Colorado. In questi punti riesce a essere molto poetico e sincero, e commovente quando racconta la sua situazione di straniero.

Vedremo se il film riuscirà a essere all'altezza.

4 comments
  1. luca said:

    hai riso?
    cosa c’è di divertente nella storia di uno scrittore miserabile che si innamora di una donna che non potrà mai avere?
    io invece ho pianto, e parecchio.
    poi sono le donne, quelle sensibili.
    mah.

  2. ld said:

    già c’è poco da ridere
    le donne sono sensibili ai soldi

  3. ReAnto said:

    Il film non è all’altezza del romanzo. Con questo film ho chiuso di andare a vedere il film tratti da romanzi.Basta.
    Ciao Antonio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: